Nei mesi precedenti al mio cammino (Ho svolto il Camino Frances nell'agosto del 2014) ho cercato di raccogliere più informazioni possibili su cosa mettere nello zaino, quale fosse il peso massimo, le caratteristiche.
É stata una lunga ricerca, in cui ho dovuto recuperare le informazioni qua e là, a volte su siti stranieri, altre volte su forum  pieni di pareri discordanti.

Con questo post non ho la presunzione di scrivere la guida definitiva, ma posso spiegare quali sono le cose fondamentali e come ho potuto affrontare il viaggio con uno zaino di soli 6kg senza per questo rinunciare a nulla.
 

La Stagione

Il fattore più importante è sicuramente la condizione climatica che ci aspetta lungo il cammino. Il mio si è svolto in estate, periodo per certi versi molto duro, a causa del gran numero di persone e del caldo torrido che in alcune tratte può mettere a dura prova.

Questa breve guida tratta la preparazione per la stagione estiva! Se dovete affrontare il cammino in inverno dovrete sicuramente dotarvi di altro equipaggiamento e viaggerete con più chili sulle spalle.
 

Lo Zaino

Non si può iniziare a parlare di attrezzatura se non partendo dallo strumento principe del vostro cammino. Lo zaino è per il viaggiatore molto più di un contenitore: è la sua casa. Contiene tutto il necessario e niente di più.

Per questa ragione in mio consiglio e sicuramente quello di sceglierne uno il più possibile leggero e di una taglia giusta.


Dimensione e il peso

La taglia dello zaino può essere variabile a seconda dei chilometri percorsi, ma in generale con uno zaino da circa 30 litri potrete affrontare, in estate, tutto il cammino, dai Pirenei a Santiago, prolungando per Finisterre se ne avrete il tempo.

Evitate zaini troppo grossi e quindi pesanti, l'obiettivo è avere uno zaino della giusta dimensione per poter contenere tutto il necessario, niente di più.


Spallacci e Cinturone

La struttura di uno zaino di qualità si basa fondamentalmente su un concetto abbastanza semplice: meno peso graverà sulle vostre spalle, più confortevole sarà la vostra camminata. Se considerate che camminerete per molte ore tutti i giorni, va da se che lo zaino é sicuramente un elemento di vitale importanza.


In sintesi, quando si tratta di scegliere uno zaino fate attenzione che soddisfi i seguenti requisiti:

  • gli spallacci devono essere comodi e ben imbottiti. Non deve mancare la cinghia tra i due spallacci che permette di scaricare parte del peso sul torace.  La sua assenza causa una distribuzione del peso inefficiente, e non lo vogliamo 🙂
  • deve esserci un cinturone in vita che vi permetta di scaricare gran parte del peso sulle anche. Stringendolo subito al di sopra di queste darete immediato sollievo alle spalle. Tenerlo poco stretto o del tutto slacciato e´ del tutto inutile.

Distribuzione del Carico

Distribuzione ottimale del carico

Una volta che avrete selezionato l'attrezzatura da mettere nel vostro zaino é importante essere consapevoli di come la distribuzione degli spazi al suo interno abbia effetti diretti sulla vostra schiena e sul vostro modo di camminare.

Senza annoiarvi sulle ragioni fisiche, cercate di mettere le cose piú pesanti contro la schiena o nella parte inferiore dello zaino. Quelle piú leggere nelle tasche esterne o in alto. La vostra postura, e quindi anche i vostri piedi, ringrazieranno

 

 

Personalmente ho camminato con un Deuter da 26 litri sulle spalle, prestato da un amico, ma ci sono ottimi zaino proposti da Decathlon, come ad esempio il Quechua MH500 30L

 

Borraccia

Durante la stagione estiva vi serviranno certamente delle grandi quantità d'acqua, specie per attraversare le lunghe tappe delle mesetas, in cui per molti chilometri non sarà possibile rifornirvi.

Considerate di dover poter con voi almeno 1 litro e mezzo.
Nelle tappe piú brevi potrete viaggiare piú leggeri portandone un po' meno.


Esistono 3 possibilità per la gestione delle risorse idriche durante il viaggio:

  • Le classiche borracce. Due da 1 litro, o da 750ml generalmente sono sufficienti. Ne esistono di varie forme e materiali. Acciaio, alluminio, parete singola, parete doppia. In generale per il cammino vi consiglio una borraccia capiente ma leggera. Le borracce a parete doppia tengono i liquidi molto piú freschi, ma a scapito del peso, quindi il mio consiglio é quello di avere una coppia di borracce leggere da tenere una per fianco dello zaino.
  • Le sacche idriche da mettere nello zaino sono un'alternativa interessante alla borraccia: hanno un peso irrisorio, sono poste all'interno dello zaino, contro la schiena e tengono l'acqua all'ombra. Presentano però due contro: occupano spazio dentro lo zaino, e hanno una valvola che se premuta permette l'erogazione dell'acqua...onde disperdere il prezioso liquido tenetene conto quando appoggiate lo zaino tra una sosta e l'altra.
  • Bottigliette di plastica...di recupero. Ebbene si, sono certamente la scelta più economica, ma anche una delle più efficaci: la bottigliette pesano pochissimo e potete scegliere quante portarne e quanto riempirle. Siccome siamo viaggiatori responsabili e abbiamo cuore l'ecologia del pianeta, ovviamente le riutilizzeremo, riempiendole e non disperdendole mai lungo il cammino. Dal momento che sicuramente tutti abbiamo delle bottiglie di plastica, questa è probabilmente una scelta anche eco sostenibile.

 

Abbigliamento

Sebbene io sia un fan del cotone organico e di tutti gli indumenti ecologici e biodegradabili, per il cammino di Santiago mi sento si spezzare una lancia a favore degli indumenti tecnici sintetici. Oltre ad occupare molto meno spazio nel vostro zaino, sono anche molto più leggeri. I colori chiari sono sempre da preferire durante la bella stagione, poiché sono più freschi.

Ecco cosa mi sono portato dietro durante il cammino:

  • 2 magliette sintetiche.
  • 1 maglietta in cotone da usare come pigiama
  • 1 paio di pantaloni con la zip al ginocchio. Nelle tappe montane il pantalone lungo sarà sicuramente necessario.
  • 1 Pile o maglioncino
  • 1 k-way o guscio impermeabile
  • infradito per far respirare i piedi a fine tappa
  • 3 paia di calzini tecnici contro le vesciche
  • 3 paia di mutande
  • 2 asciugamani sintetici
  • 1 cappellino per il sole

Tutto qui. Come vedete è una lista breve e composta da indumenti leggeri di cui quasi la metà è sempre addosso al pellegrino. Arrivati a fine tappa basta fare una rapida lavata degli indumenti che avete usato e il giorno dopo li troverete freschi di bucato e pronti a macinare con voi qualche decina di km.

È sicuramente questo il piccolo trucco che ho adottato per viaggiare con un zaino così leggero e senza farmi mancare nulla.

 

Kit pronto soccorso

Il discorso medico è delicato, poiché solo il vostro medico di base ha un quadro completo della vostra salute e solo lui può consigliarvi quali medicine sono adatte a voi.

In questa sezione riporto il mio personalissimo kit, sottolineando che ognuno deve costruirsi il proprio sulla base della sua situazione clinica.
 

  • Brufen o similare: un antinfiammatorio generico per alleviare le infiammazioni che quasi tutti riscontrano sul cammino di Santiago come, ad esempio, le comunissime talloniti.
  • termometro
  • ago e filo... Se vi viene una vescica che non vi da tregua fate un piccolo buco con l'ago e lasciate che un po' di filo la attraversi da parte a parte: servirà a farla svuotare progressivamente
  • Vicks Vaporub: utilissimo per prevenire le vesciche e, al tempo stesso, fare da disinfettante, fungicida e deodorante. Ogni mattina passate una po' di prodotto sui vostri piedi, prima di infilare le calze. L'azione lubrificante riduce al massimo gli sfregamenti e quindi la formazione di vesciche.
  • collirio generico
  • antistaminico: soffro di allergie, quindi a scopo precauzionale ne ho portato. Va detto che non l'ho mai usato, ma questo puó dipendere dalla forma allergica di ciascuno e dalla fioritura delle piante nel periodo in cui partirete

Considerate che in quasi tutte le tappe principali, specie lungo il cammino Frances, ci sono svariate farmacie, ognuna dotata di tutto ciò di cui un pellegrino potrebbe aver bisogno: dalle garze all'acqua ossigenata a particolari infiammatori per le giunture.

 

Altri oggetti Utili

  • il passaporto o la carta di identità
  • caricabatterie del telefonino
  • spazzolino e dentifricio
  • un bel pezzo di sapone di Marsiglia, per lavare gli indumenti e voi stessi 🚿
  • filo e un paio di mollette per stendere il bucato
  • asciugacapelli, se li avete lunghi
  • torcia frontale se prevedete di partire presto la mattina

 

In ogni caso, qualche sia il vostro equipaggiamento e abbigliamento, ricordate che sul cammino di Santiago non sarete mai soli e potrete sempre contare su decine di pellegrini disposti ad aiutarvi e a farsi in quattro per voi.

Buen Camino!