Dopo questi mesi passati tra le mura domestiche in quarantena, sentiamo tutti il bisogno fisiologico di uscire, muoverci e riconnetterci con la natura. Quindi quale modo migliore di un trekking o di un hiking attraverso l’Europa o nella nostra bella Italia per rigenerarci e trascorrere le ferie quest’estate?

Nel nostro continente possiamo trovare alcuni dei sentieri escursionistici più belli del Mondo, ce n’è davvero per tutti i gusti e per ogni tipo di camminatore! 

Se quello che cerchiamo è un cammino tranquillo, come può essere un pellegrinaggio, o se preferiamo affrontare un trekking di alta montagna, in Europa troveremo sicuramente il sentiero più adatto a noi! In questa selezione abbiamo raccolto un elenco di trekking e cammini che ci permetteranno di attraversare da Nord a Sud il nostro splendido continente ed organizzare un viaggio sostenibile e più responsabile, all'insegna della lentezza…

 

EUROPA SETTENTRIONALE

ISLANDA

Laugavegur Trek

Scorcio della magnifica Islanda

Se siete alla ricerca oltre ad un trekking, anche di un clima decisamente più “fresco”, l’Islanda è il Paese giusto! Questa isola dai paesaggi incredibili è certamente il luogo in cui possiamo avvertire nettamente la potenza della Natura! Non a caso l’Islanda è chiamata “Terra del fuoco e del ghiaccio” allo stesso tempo: i gaiser e i vulcani perennemente attivi, ne hanno plasmato le forme, insieme all’azione costante dei numerosissimi ghiacciai che ne ricoprono la superficie.

Qui si trova il Laugavegur Trek: forse il trekking più popolare d’Islanda, ma che il National Geographic ha inserito fra i più belli al mondo.

Lungo 55km collega Landmannalaugar a Þórsmörk, può essere percorso in 4 giorni, non presenta difficoltà tecniche da affrontare, a parte le avversità legate alle condizioni meteo, per le quali bisogna essere debitamente attrezzati! Offre la possibilità di vedere la grande varietà di paesaggi islandesi: montagne multicolore, deserti di roccia e sabbia vulcanica, valli rigogliose e ghiacciai imponenti. Si possono, inoltre, aggiungere due giorni al trekking, passando per la zona chiamata Fimmvörðuháls a due passi dal vulcano Eyjafjöll (che nel 2010 ha bloccato i voli di mezza Europa a causa della propria eruzione) fino ad arrivare a Skógar.

Landmannalaugar, Þórsmörk e Skógar sono inoltre facilmente raggiungibili in auto da Reykjavík, capitale dell'Islanda.
 

SVEZIA

Kungsleden Trail Sweden

Kungsleden Trail Sweden

Anche conosciuto internazionalmente con il nome di King’s Trail, il Kungsleden è un percorso di lunga distanza situato nel nord della Svezia ed è diviso in due percorsi: il nord e il sud Kungsleden.

Il sentiero Kungsleden a livello tecnico non è particolarmente impegnativo, anche qui il problema maggiore è costituito dal meteo variabile.

Il consiglio è quello di raggiungere la tappa di partenza con il treno prenotando i biglietti online su www.sj.se anche se i collegamenti giornalieri non sono numerosi, oppure in autobus via www.lapplandspilen.se.

Lungo tutto il percorso del King’s Trail è consentito il campeggio, quindi portarsi la tenda potrebbe essere un buon modo per risparmiare.

L'assenza di luoghi in cui ricaricare le batterie del telefono e della macchina fotografica, potrebbe costituire un problema, soprattutto se si decine di dormire in tenda. Troviamo sempre utile portare un powerbank ed un pannello solare da attaccare allo zaino. Da tenere cont anche del fatto che in estate il sole a queste latitudini non tramonta praticamente mai - a luglio ci sono 24 ore di luce - ed è quindi possibile sfruttare in questo modo l’energia solare quasi perenne!

Il trekking può essere spezzato in più tappe ed è possibile quindi scegliere un itinerario di 13-14 giorni, oppure un percorso più breve di 6 giorni.
 

EUROPA CENTRALE

REGNO UNITO

West Highland Way - Scozia

E’ un trekking di circa 7 giorni, forse il più famoso della Scozia e dell'intero Regno Unito. Anche questo sentiero non è particolarmente difficile a livello tecnico, ma è comunque necessario equipaggiarsi per tutti i tipi di clima e terreno.

Il West Highland Way porta il viaggiatore attraverso i tipici paesaggi scozzesi fatti di laghi, colline e valli verdeggianti, inoltre, essendo ben segnalato si presta anche per un trekking in solitaria. 

Il WHW inizia a Milngavie appena fuori Glasgow e termina a Fort William. Per contenere i costi, anche in questo caso, è possibile campeggiare lungo il percorso in aeree dedicate, oppure potete scegliere tra i numerosi B&B ed hotel. Per alcuni la parte più impegnativa è l'escursione alla “scala del diavolo”.

 

Hadrians Wall Walk - Inghilterra

Si tratta di una passeggiata tra le antiche rovine dell’Impero Romano, il muro è infatti l'antico confine tra Inghilterra e Scozia che venne edificato proprio da Adriano nel 122 d.C. per tenere i popoli barbari lontano dai possedimenti di Roma.

Nel 2003, questo cammino che costeggia le rovine ancora ben conservate dell’antico muro di Adriano, è stato interamente riqualificato ed oggi è possibile percorrere da costa a costa i suoi 135 km da Newscastle-Upon-Tyne a Bowness-on-Solway. 

Forse il tratto più suggestivo è quello tra Hexam e Gilsland, percorribile in 4 giorni (circa 65 km), attraverso la campagna e pascoli di pecore, che offre anche la possibilità di visitare alcuni castelli lungo la strada (Forti di Chester, Housesteads e Birdoswal).

 

GERMANIA

La Foresta Nera

Nell’area sud-occidentale della Germania, nel Land del Baden-Württemberg, si estende la Foresta Nera, il più vasto massiccio della fascia dei rilievi centrali tedeschi. Da Stoccarda è possibile raggiungere la regione in giornata ed organizzare trekking di uno o più giorni, che si adattano anche ai diversi livelli di allenamento.

Indipendentemente dal sentiero che si scelga, ci si trova immersi in uno spettacolare scenario boschivo, nel quale sarà possibile anche avvistare numerosi animali selvatici.

Si calcolano circa 24.000 km di sentieri tracciati e non, all’interno della Foresta Nera e nelle regioni limitrofe, grazie all'importante lavoro della Black Forest Association che dal 2000 ha messo a punto un sistema di marcatura di questa fitta rete di percorsi, permettendo con facilità la fruizione degli stessi.

Oltre al più famoso percorso di lunga distanza, il Westweg (280km) è possibile percorrere numerosi sentieri di breve distanza (Martinskapelle - 10 km; Feldberg Steig - 12 km; Gütenbach-Simonswäldertal - 13 km; Wutachschlucht - 13 km; Panoramaweg - 40 km) per escursioni di un giorno o poco più. Oltre alla Foresta Nera anche le aree circostanti lungo il fiume Reno ed il Lago di Costanza offrono splendide passeggiate.

Esiste, inoltre, una pista per mountain bike da Karlsruhe a Lörrach che conduce i ciclisti più sportivi sulla cresta principale della Foresta Nera, il Feldberg (1.493 m).

 

POLONIA

Da Czarny Staw a Czarny Staw

Questo sentiero inizia appunto da Czarny Staw, spettacolare lago cristallino, per arrivare fino alla cima del Rysy Park, la cima più alta della Polonia che raggiunge i 2.500 metri di altitudine. Lungo la strada, potrai ammirare il panorama magnifico sulle spende del Morskie Oko, il lago più grande e il quarto più profondo dei Monti Tatra, oltre ad avere la possibilità unica di vedere da un lato della montagna la Slovacchia e dall’altro e la Polonia!

Sebbene questo sentiero non sia uno dei più difficili dal punto di vista tecnico, in alcuni punti può essere piuttosto faticoso, quindi assicurati di essere preparato per ogni evenienza e soprattutto non avventurarti in scalate se soffri di vertigini: ricordati che in montagna bisogna essere sempre prudenti!

 

SVIZZERA

Schwarzhorn

Non è certamente un sentiero per tutti quello che porta alla cima del Schwarzhorn in Svizzera (2.928 m), per il quale è necessaria un preparazione fisica di un certo tipo, ma è certamente un trekking, se pur impegnativo che regala grande soddisfazione per l’escursionista, una volta arrivato in vetta!

Scorcio delle Alpi

Haute Route

L’Haute Route è considerata uno dei percorsi più panoramici delle Alpi. Il sentiero originale può essere completato in circa 10-14 giorni, cominciando dalla città francese di Chamonix ed arrivando a Zermatt, in Svizzera, permettendo di valicare i confini a piedi!

E' necessaria una buona preparazione fisica anche perchè sarà necessario camminare su terreni accidentati per circa sette a otto ore al giorno ed attraversare passaggi alti 2.900 metri. Il percorso è ben segnalato, nonostante ciò, ti consiglio di portare un buon dispositivo GPS o di scaricare un'app GPS sul tuo telefono.

 

ROMANIA

Sentiero alpino della Transilvania

Castello di Bran, in Romania

Sentiero tra gli 80 e i 130 km, a seconda del percorso che si sceglie di percorrere. Il punto certamente più affascinante e per il quale migliaia di escursionisti lo percorrono ogni anno è il misterioso Castello di Bran, a lungo associato al Conte Dracula, che incombe sul sentiero, sporgendo da un alto pendio roccioso.

Il sentiero più frequentato e conosciuto conduce su tre delle vette più alte della Romania ed attraversa numerose città medievali che ospitano monasteri, castelli e chiese.

 

Sentieri dei Carpazi

La catena dei Carpazi rumeni è una delle più belle in Europa, qui la varietà di percorsi è ampia, ma quello che porta alla capanna Mălăiești, situata sui monti Bucegi, permette agli escursionisti che la visitano di ammirare viste incredibili sul paesaggio circostante.

Si tratta di un trekking facile de accessibile. Dalla capitale della Romania, Bucarest, è sufficiente un'ora e mezza di treno per arrivare a Bușteni, punto di partenza per numerose escursioni. E’ possibile concludere l’escursione in una giornata, partendo molto presto la mattina, ma vale la pena passare una notte nel rifugi ed avere così la possibilità di ammirare il tramonto e l'alba da qui.

Il sentiero non è difficile, ma tieni presente che l'area è popolata da orsi bruni, quindi presta la massima attenzione. Assicurati anche di prenotare, in quanto, essendo un posto molto popolare e frequentato soprattutto durante l’estate, potrebbe non essere facile trovare posto per dormire nella capanna.

 

EUROPA MERIDIONALE

SPAGNA

Camino de Santiago

Segnavia del Cammino di Santiago

Sin dal Medioevo pellegrini provenienti da tutta Europa, mossi dalla fede, si sono avvicinati a piedi, a cavallo e ora anche in bicicletta a Santiago de Compostela, in Galizia. Negli anni è diventato una destinazione molto amata da escursionisti ed amanti del cammino in generale che lo percorrono anche non a fini religiosi. Nonostante questo il Cammino di Santiago ha la capacità di aprire gli occhi del viaggiatore che si ritrova a percorrerlo. 

Molte persone iniziano il proprio viaggio a Roncisvalle, villaggio ai piedi dei Pirenei spagnoli, e percorrono in circa un mese tutti i 790km che li separano da Santiago, ma è possibile decidere di iniziare il proprio cammino da diversi punti, a seconda del tempo che si ha a disposizione.

Numerosi sono gli ostelli che danno ospitalità agli escursionisti per la notte, rendendo questo trekking economico e semplice da affrontare anche senza prenotare nulla.

A proposito di questo cammino vi consigliamo di leggere l’articolo Come preparare lo zaino per il Cammino di Santiago, scritto da Francesco qui sul nostro blog.

 

PORTOGALLO

Fisherman's Trail

Mappa del Fisherman's Trail e della sua variante

Questo sentiero di 125 km va da Cabo de São Vicente nella punta sud-ovest dell'Algarve ed arriva fino a Porto Covo nell'Alentejo. Il percorso esclusivamente pedonale attraversa alcune delle spiagge più panoramiche del sud del Portogallo.

Il percorso è suddiviso in cinque tappe, ognuna di esse non supera i 25 km e a seconda del tempo che si ha a disposizione, oltre alla propria condizione fisica, si può decidere di percorrere in 2 o più giorni. Grazie al lavoro dell’ente del turismo portoghese il sentiero negli ultimi anni è stato ben strutturato ed è ora anche servito da ostelli, alberghi e ristoranti. 

Non è necessaria una guida o attrezzature speciali per affrontare il Fisherman’s Trail, ma si deve tenere in considerazione che in Algarve si possono raggiungere temperature oltre i 40° C nei i mesi estivi ed è meglio percorrere il sentiero in primavera o autunno.

 

DA NORD A SUD: la Via Francigena

E’ il sentiero che da Canterbury collega Roma, oltre 2000 km durante i quali, partendo dall’Inghiterra, si attraversa da Nord a Sud sia la Francia che l’Italia, passando per la Svizzera. Si tratta di facili sentieri di montagna, strade di campagna o di viabilità minore, senza traffico, sterrate o con lastre consunte dal passaggio dei pellegrini che per secoli si sono avviati dalla lontana Cattedrale di Canterbury per giungere, dopo mesi, a San Pietro. Come per il Cammino di Santiago tutto il percorso è segnalato dai segnavia che indicano un percorso sicuro, facile, privo di difficoltà tecniche, accuratamente studiato per essere percorso da tutti e a tutte le età.

Scorcio della Via Francigena in Italia

Questa antica via di pellegrinaggio è stata recentemente rivalutata e attrezzata dalle varie prologo, italiane e non solo, ed oggi è possibile percorrerla senza problemi, in parte o nella sua totalità, se ne si ha la possibilità e il tempo!

Per sapere di più su questa antica strada, per conoscerne meglio il percorso ed organizzare la vostra vacanza percorrendo il tratto che preferite potete consultare il sito ufficiale della Via Francigena.


Insomma, dalle spiagge, agli altopiani erbosi, dalle antiche rovine di epoche passate, a panorami montani spettacolari, in Europa è possibile trovare la vacanza a piedi, sostenibile e responsabile, adatta per ogni tipo di escursionista.

Questa ovviamente è solo una selezione dei cammini e dei trekking più belli che il continente europeo ha da offrirci!

Nei prossimi giorni pubblicheremo un articolo in cui troverai altri consigli per trekking e cammini nella nostra splendida Italia!